sabato 1 dicembre 2018

L'accademico al tempo della rivoluzione pittorica, William-Adolphe Bouguerau


Autore:   William Adolphe Bouguerau
 (La Rochelle,1825 – La Rochelle,1905) 

Titolo dell’opera: Fratello e sorella bretoni - 1871

Tecnica: Olio su tela

Dimensioni: 129,3 cm x 89,2 cm

Ubicazione attuale:  Metropolitan Museum of Art, New York, U.S.A.






Siamo agli inizi del decennio dell’ottocento che avrebbe stravolto la visione della pittura, infatti tre anni dopo la realizzazione di quest’opera, esattamente nel 1874, viene realizzata per la prima volta una mostra di artisti, ancora sconosciuti, che verranno ricordati con il nome di Impressionisti.

Inutile sottolineare quanto Bouguerau sia distante dalle novità dei “ribelli” impressionisti e quanto sia profondo il legame con la pittura accademica.

L’opera di cui parliamo è l’emblema dell’eleganza e precisione care all’accademia, lontana sicuramente da quella “modernità” che si accinge ad affacciarsi nel mondo dell’arte ma che esalta il talento del pittore francese.

Maestro della ritrattistica riesce ad imprimere sulla tela le più intime emozioni, raffigurando i protagonisti in modo dettagliato, quasi maniacale.

Nel dipinto nulla è lasciato al caso, dalle decorazioni dei vestiti, il bambino sfoggia abiti dai molteplici colori, ai particolari dello sfondo.

I due fratelli posano per il pittore seduti su un gradino naturale, la sorella maggiore tiene in braccio il fratellino, il tutto non è naturale ma l’artista di La Rochelle trasforma la scena in un momento di vita quotidiana.

Il frutto in mano al piccolo, i piedi nudi dei due fratelli, sono solo due dei molteplici particolari che rendono il quadro teneramente intimo e affascinante.

Il viso sereno e quasi sorridente del bambino accompagna la cornice di bianco che circonda il volto della ragazza, i cui occhi emanano un’intensa forza che esce dalla tela e penetra in profondità nell’animo di chi osserva.

5 commenti:

  1. Bella la tua descrizione dell'opera di Bouguerau. Tutti i suoi lavori, bellissimi, non li gradisco molto.
    Forse perché troppo perfetti. Sarà gelosia? Ahahahah...😁😁😁
    Grazie del messaggio. Spero ti sia arrivata la risposta. Abbraccio forte e buon fine settimana. 😗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, forse è proprio la perfezione accademica che non permette quella fuga in avanti che in quegli anni si appresta a diventare realtà.
      Non penso sia gelosia ma il pensiero di chi più di un secolo dopo ha visto i frutti degli sconvolgimenti artistici in atto in quegli anni.
      Ho ricevuto la risposta e ti ringrazio moltissimo.
      Un abbraccio, buona serata.

      Elimina
    2. Assolutamente grazie a te. Spero che tu mi risponda però. 😉 Ciao.

      Elimina
  2. talmente bello da sembrare una foto. Anche questa volta non conoscevo questo pittore.
    Da restare a bocca aperto tanto è la precisione del suo tratto.
    Grazie come sempre mio caro amico
    Una dolce serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, che bello il tuo entusiasmo.
      I ritratti di Bouguerau sono di una bellezza assoluta, forse la sua perfezione toglie spazio all'immaginazione ma riesce a trasmettere sensazioni uniche.
      Grazie a te, felice e serena serata.

      Elimina