sabato 21 novembre 2020

Spiritualità e materia, realtà e simbologia, Franz Marc

 

Autore:   Franz Marc

(Monaco, 1880 – Verdun, 1916) 

Titolo dell’opera: Piccoli cavalli gialli, 1912

Tecnica: Olio su tela 

Dimensioni: 66 cm x 104,5 cm

Ubicazione attuale:  Staatsgallerie, Stoccarda

 


Tre cavalli occupano la quasi totalità della tela, le tre sinuose figure sembrano intrecciarsi quasi a creare un tutt’uno, lo spazio lasciato libero dagli animali è però sufficiente per mostrarci un paesaggio collinare dove sullo sfondo, oltre le due case appena abbozzate scorgiamo il blu del cielo.

I tre cavalli sembrano però staccarsi dal contesto paesaggistico, sono in primo piano mentre lo sfondo prende le sembianze di un pianeta lontano, questo rende tutto più aulico, raffinato, elevato (ecco che ritorna la spiritualità).

Nonostante la rappresentazione equestre che si palesa al primo sguardo è il colore il tema predominante del dipinto.

Il giallo che simboleggia l’elemento "passivo" femminile, il rosso dei fianchi richiama la sensualità, questi colori caldi si contrappongono al blu spirituale dello sfondo.

La teoria del colore di Kandinskij in “Lo spirituale dell’arte”, che oltre alla grande amicizia condivide con Marc la genesi del gruppo “Der blauer reiter” (il cavaliere azzurro) pone il giallo proprio in contrapposizione col blu dove l’essenza materiale del primo contrasta con la spiritualità del secondo.

La sensualità femminile, l’essenza stessa della femminilità e dell'elevazione mistica, prendono strade differenti ma fanno parte dello stesso impianto, l’unione delle due espressioni raggiunge un equilibrio nelle criniere delle giumente.

Nulla è per caso, il verde delle criniere nasce dalla fusione dell’emozione fisica con la visione trascendentale, dando vita ad un equilibrio più o meno stabile simboleggiato dal verde, frutto della "mescolanza" tra il giallo e il blu.

I cavalli sono sempre stati la passione di Marc, questi animali lo hanno accompagnato fino all’epilogo della sua breve esistenza, arruolatosi volontario allo scoppio della prima guerra mondiale nel 1916 viene esentato per meriti artistici, dagli incartamenti militari l’ultimo giorno di servizio mentre svolge il proprio compito di ricognitore a cavallo viene colpito da alcune schegge di granata, a trentasei anni, muore sul colpo vicino al proprio cavallo, una figura che lo aveva accompagnato nel suo breve, seppur intenso, percorso artistico.

2 commenti:

  1. Io sono rimasta affascinata dallo sguardo del cavallo più indietro e mi ha fatto immaginare un momento di ricognizione, come se fossero un gruppo di guerrieri che arrivati da lontano si stiano preparando alla vicina battaglia, gli altri due preoccupandosi della loro prestanza e lui lo stratega e il responsabile del gruppo, con lo sguardo verso il prossimo obiettivo ma la mente che vaga tra futuro, presente e passato.
    Visione apparentemente lontana da femminilità e spiritualità... ma solo apparentemente! 😉

    Ciao Romualdo, buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi Anna è questo il bello dell'arte, ognuno di noi parte da spunti emotivi differenti, io ho dato questa interpretazione partendo dal legame che univa Marc e Kandinskij e il loro concetto del colore come simbolo di qualcosa di più spirituale, con queste basi mi è più difficile vedere altro, tu però ne fai una lettura diversa e a questo punto la visione di altri ne viene influenzata, la trasformazione è perpetua.
      Buona giornata a te.

      Elimina

Se vi va di lasciare un commento siete i benvenuti, i commenti contenenti link esterni verranno cancellati