sabato 5 agosto 2017

Il paesaggio silenzioso, Maurice Utrillo

Autore:   Maurice Utrillo
(Parigi, 1883 - Dax, 1955) 
Titolo dell’opera: Impasse Cottin – 1913

Tecnica: Olio su tela

Dimensioni: 73 cm x 53,9 cm
Ubicazione attuale:  Musée National d’Art Modern, Centre G. Pompidou, Paris




Il punto d’osservazione chiude ogni varco alle spalle del visitatore, infatti si vede la scena dall’alto anziché dal livello della strada, come se fossimo affacciati ad una finestra creando cosi la sensazione, vagamente opprimente, di un cortile chiuso su tutti i lati.

Il punto di fuga resta la scala in fondo al centro ma anche in questo caso la prospettiva non aiuta, la scalinata è decisamente ripida, quasi un muro invalicabile, lo sguardo prende un “boccata d’aria” solamente in cima alla scala stessa dove il percorso si fa più pianeggiante e soprattutto volta a destra dandoci finalmente un senso di libertà.

Utrillo vive in questi anni quello che è chiamato il suo “periodo bianco” dove il pittore parigino utilizza il gesso mischiato ai colori per ricreare l’atmosfera dei vicoli e delle strade di Montmartre, quartiere dove è nato e dove è vissuto.

Questa tecnica gli ha permesso di rendere in maniera realistica la struttura, spesso decadente, dei vecchi edifici mostrando le imperfezioni delle pareti scrostate.

Anche l’atmosfera di sensoriale di quest’opera è tipica della pittura di Utrillo, nonostante la presenza umana tutto sembra avvolto nel silenzio, le figure che si incamminano verso la scala che porta alla Basilica del Sacré-Coer sembrano malinconicamente isolate dal resto della scena dove l’immobilità generale è amplificata dal cielo cupo.
 

6 commenti:

  1. Caro Romualdo, bello questo dipinto lo trovo molto semplice ma interessante.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, Federico Zeri sosteneva che il talento di un pittore si palesava proprio con la semplicità "visiva" del dipinto.
      Saper esprimere un concetto in modo che più persone possano apprezzarlo dimostra la grandezza dell'artista.
      Grazie, buona giornata.
      Un grande abbraccio a te.

      Elimina
  2. Non so mio caro Romualdo , come tu possa rendere così bene l'atmosfera pittorica di un quadro.
    Tu lo guardi prima di leggere il tuo post, leggi il titolo e poi leggi lo scritto e tutto sembra più chiaro, più conosciuto ,più convincente.
    Vera la sensazione di decadenza dei muri, vera l'immobilità della stretta scena, vera la silenziosa processione delle persone verso la chiesa del Sacro Cuore..sembra veramente non esserci via di fuga.
    Meraviglioso.
    Grazie di cuore mio caro.
    Un forte abbraccio con un po' di pioggia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, spero di meritare anche solo una parte dei tuoi complimenti, la lettura di questo dipinto è forse facilitata dal racconto visivo, apparentemente semplice, di Utrillo.
      Il fatto che la mia impressione ti abbia aiutato ad entrare nella scena del quadro mi rende particolarmente felice, la soddisfazione di aver fatto bene il mio (piccolissimo) lavoro.
      Grazie a te che con i tuoi interventi porti un'ondata di entusiasmo e mi spingi a dare il sempre il meglio.
      Un fresco abbraccio, buona domenica.

      Elimina
  3. L'effetto è davvero convincente, sembra proprio di guardare realmente quegli edifici, la sensazione è proprio quella che si percepisce in certi vicoli di certi borghi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, Utrillo ci accompagna nel suo mondo dove il senso di oppressione andava oltre le anguste viuzze parigine, raccontava le sensazioni claustrofobiche e solitarie del proprio vissuto personale.
      Buona serata, a presto.

      Elimina