lunedì 28 aprile 2014

Canzoni contro la guerra. Gambadilegno a Parigi


"Oggi, l'informazione falsata, ci parla tanto dei morti (quasi sempre soldati e non civili) ma molto poco dei feriti. Gambadilegno è un ferito reduce da una guerra - probabilmente dal Vietnam, ma non lo sa nemmeno lui - che va a Parigi per farsi mettere una protesi. E sogna però di stare ad Atene, quella che immagina come culla della civiltà."                                             
                                                                                    Francesco de Gregori


Gambadilegno a Parigi  (Testo)

E allora sognò Atene
e la sua bocca spalancata                               
E la sua mano da riscaldare
e la sua vita stonata
E quel suo mare senza onde
e la sua vita gelata
E allora sognò Atene
sotto una nevicata

Guardalo come cammina
ballerino di samba
E come inciampa in ogni spigolo
innamorato e ridicolo
Come guida la banda
come attraversa la strada
senza una gamba

Portami via da questa terra                       
da questa pubblica città
Da questo albergo tutto fatto a scale                                 
da questa umidità
Dottoressa chiamata Aprile
che conosci l'inferno
Portami via da questo inverno
portami via da qua


E allora sognò Atene                                                  
e l'ospedale militare
Ed i soldati carichi di pioggia
e un compleanno da ricordare
Ed un ombrello sulla spiaggia
e un dopoguerra sul lungomare
E allora sognò il tempo
che lo voleva fermare


Guardalo come cammina
Lazzaro di Notre Dame
Come sta dritto nella tempesta
alla fermata del tram
Chiama un tassì si mette avanti
dai Campi Elisi alla Grande Arche
Gambadilegno avanti avanti
avanti marsch!








2 commenti:

  1. Quest'uomo è nel mio cuore da sempre!
    Abbracci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riesce con una prosa elegante e una melodia poetica a raccontare i drammi e le difficoltà della vita.
      Ciao pia a presto.

      Elimina