giovedì 10 marzo 2016

Mito, storia e studio della prospettiva, l'abilità di Lawrence Alma-Tadema.


Autore:   Lawrence Alma-Tadema

Titolo dell’opera: Un buon punto d’osservazione – 1895

Tecnica: Olio su tela

Dimensioni: 64 cm x 45 cm

Ubicazione attuale:  Collezione privata




Affacciate ad un terrazzo, tre giovani donne romane osservano l’arrivo di alcune imbarcazioni, verosimilmente delle galee.

Questo dipinto riesce mirabilmente a comunicare un senso di altezza e trasmette con estremo realismo il calore del sole.

I dettagliati particolari delle vesti, la statua in bronzo che raffigura un animale e il davanzale di marmo mostrano l’abilità e la padronanza di Alma-Tadema nel ricreare la scena con un favoloso realismo.

L’abilità del pittore si evidenzia anche nel complesso effetto prospettico, i gesti delle donne, il mare lontano ai piedi del terrazzo e le minuscole imbarcazioni mostrano l’altezza da cui le giovani osservano il panorama.

L’antica Roma, la Grecia classica e l’Egitto dei faraoni, temi molto ricercati in epoca vittoriana, sono i soggetti preferiti dal pittore di origini olandesi. Tematiche che venivano ricreate con competenza data la buona preparazione dell’artista nell’ambito storico-archeologico.

Autore anche di numerose scenografie teatrali, in particolare quella per il Coriolano di Shakespeare messo in scena da Henry Inrwing al Lyceum Theatre di Londra nel 1901.

8 commenti:

  1. Romualdo Ciao! Non so se sai che io sono scenografo, quindi conosco bene a questo artista per il suo lavoro sulla scenografia ma, credo, che anche sia un pittore raffinato, e questo lavoro che ci porti lo dimostra. Grande abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patzy, non sapevo che sei anche scenografa (sei una donna dalle mille risorse, artista, grafica, "reporter" eccezionale quando racconti la nostra Italia).
      Alma-Tadema ha rilanciato la pittura classica unendola al progresso artistico in atto nella seconda metà dell'ottocento. Un mix che fa del Neoclassicismo un movimento elegante e ti grande fascino.
      Sono d'accordo con te, riguardo all'estrema raffinatezza delle sue opere.
      Grazie, è sempre un piacere "sentirti".
      Un abbraccio a te, a presto.

      Elimina
  2. Ciao Romualdo, questa volta commento "a modo mio". Sì perchè osservando l'opera di Alma-Tadema, ho sentito prepotente il desiderio di dedicarle una poesia. Eccola:


    DALLA TERRAZZA

    Fanciulle
    Baciate dal sole
    Accarezzano un sogno.
    Ghirlande tra i capelli,
    Morbide vesti lungo i fianchi
    A dire la bellezza.
    Dalla terrazza
    Lo spettacolo del mare
    Le rapisce
    E le porta lontano.

    Un caro saluto, a presto. G.Piera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao GianPiera, che posso aggiungere? Bellissima lettura in versi, sei entrata nei pensieri e desideri delle giovani donne e ci hai illustrato poeticamente quest'opera.
      Grazie e complimenti.
      Buon fine settimana, a presto.

      Elimina
  3. E' vero quello che dici, gli effetti che il pittore riesce a dare col suo dipinto, il senso dell'altezza, il calore del sole, tuttavia questo dipinto pur colto ed elegante, mi lascia indifferente. Lo sento ricercato e non spontaneo, teso a modelli che non nascono dalla sua mente e dal suo spirito. Anche se bisogna riconoscere che, poiché ogni dipinto riflette l'anima del pittore, questi erano i modelli da lui amati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, sicuramente la ricerca del "realismo" e il richiamo all'arte classica, allontanano la sensazione di immediatezza, di spontaneità (come ricordi tu) ma rimane, secondo il mio pensiero, l'incredibile e affascinante tocco di estrema eleganza oltre alla conoscenza tecnica e "culturale".
      Grazie, un'angolatura "visiva" che ci spinge ad osservare l'opera in un modo diverso.
      Buona serata, a presto.

      Elimina
  4. Stupendo!!!! Se non ci fosse stata la tua spiegazione avrei collocato il pittore in epoca primo novecento durante l'esplodere del liberty.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, il liberty è forse più "decorativo", più "floreale" legato ad un forte senso estetico e nella decorazione (appunto) degli interni.
      Nonostante il ritorno al classicismo di Alma-Tadema ispirato al periodo ellenistico, non possiamo escludere una quasi inevitabile contaminazione (infatti nello stesso periodo prendeva vita l'Art Nouveau, che in Italia è conosciuta come Liberty.
      Dunque la tua intuizione non è priva di fondamento, anzi, i contatti sono sicuramente più d'uno.
      Grazie, intervento molto interessante.
      Buona serata.

      Elimina