venerdì 27 maggio 2016

La "giovinezza", René Magritte.


Autore:   René Magritte

Titolo dell’opera:   Jeunesse (Giovinezza) – 1924

Tecnica: Olio su tela

Dimensioni: 50,5 cm x 41 cm

Ubicazione attuale:   Berkeley Art Museum, Berkeley.





Il “futurismo” magrittiano, un modo poco ortodosso di approcciarsi ad un movimento conosciuto attraverso le riproduzioni più che per contatti diretti.

In quest’opera traspare un percorso che attraversa il cubismo e sfocia nell’astrattismo, ma non è esente dalle peculiarità del pensiero artistico di Magritte.

La poesia si respira ad ogni tratto, ogni pennellata ci trasmette una sensazione piacevole, solo la figura della giovane donna è riconoscibile, tutto il resto viene lasciato all’immaginazione e forse sono i tumultuosi pensieri della ragazza che ruotano vorticosamente attorno alla stessa.

Sensualità, fascino innocente e passione mistica, tutto ci appare chiaro e confuso allo stesso tempo, ma una cosa rimane impressa, un’aura di benessere che illumina la scena e che ci conduce per mano nei ricordi giovanili dove tutto appare possibile e affascinante.

6 commenti:

  1. È bellissimo questo quadro! Non lo conoscevo, wwwwooooaaahhhhhwwwww!
    Ciao carissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, il tuo entusiasmo mi fa immensamente piacere, Magritte è noto per altri dipinti, più vicini al surrealismo, ad un modo di vedere la realtà attraverso lenti deformate e legate all'inconscio. Ma quest'opera mi ha impressionato particolarmente per l'originalità e per la forte componente poetica.
      Un abbraccio carissima, buona serata.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ciao Marina, di gusti sopraffini e di poche parole, ma assolutamente efficaci.
      Grazie pel il pensiero, buona domenica.

      Elimina
  3. Ciao Romualdo eccomi di nuovo qui nel tuo blog sempre molto interessante. Ho visto che ultimamente sei spesso presente su google+ con i tuoi bellissimi post, sappi li apprezzo sempre, anche quando non lascio il commento. Ma veniamo a "La giovinezza" di Magritte. Come già sai non me ne intendo di movimenti pittorici,ma grazie a te sto cominciando a capire qualcosa. Darò quindi come sempre un'interpretazione personale al dipinto che, come hai sottolineato, ha una forte componente poetica. Io qui vedo l'"esplosione" della giovinezza, che provoca intorno a sè un trionfo di colori. Mi colpisce poi quella linea scura che, atraversando il corpo della giovane all'altezza della vita,sembra tagliarlo in due. Ed allora stiamo attenti a non spezzare la giovinezza, rovinando un periodo della vita che non tornerà mai più.
    Grazie ancora perchè mi dai l'opportunità di conoscere delle opere stupende!
    A presto. G.Piera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao GianPiera, mi piace l'idea di utilizzare i "social" per condividere l'arte nelle sue infinite forme, mi fa piacere che apprezzi l'idea.
      La tua interpretazione di quest'opera, come spesso accade in alte occasioni, va in profondità, trovo interessante la "visione" che ci racconti, l'esplosione vitale di quel breve ed intenso periodo sembra dare l'inizio e al contempo decretarne il superamento, un attimo da assaporare fino in fondo ma che spesso, per inesperienza, "utilizziamo" nel modo errato.
      Grazie a te per il contributo che dai ogni volta, ci dai la possibilità di scoprire angoli che, a volte, restano nascosti nell'ombra.
      Buona giornata, a presto.

      Elimina