lunedì 5 settembre 2016

La leggerezza dell'essere. Profumo, Giorgio Oprandi.


Autore:   Giorgio Oprandi

Titolo dell’opera: Profumo – 1914-15

Tecnica: Olio su tela

Dimensioni: 115 cm x 145 cm

Ubicazione attuale:  Collezione privata.





Opera di grande fascino, la struttura del dipinto è una rarità per quei tempi, dove si fa largo la moda dannunziana ed il linguaggio si fa più raffinato ma ancora legato ai canoni del passato.

L’influenza di varie correnti e diversi artisti si mescola al tratto personale di Oprandi, si possono notare i primi risvolti impressionisti, ed è evidente il riferimento artistico alla pittura di Segantini.

Come trascurare gli effetti, anche se sfumati, del liberty e il suo decorativismo, fino alle velate atmosfere orientali, il ramo cosparso di fiori di pesco rimanda inequivocabilmente alla pittura giapponese.

Le macchie di colore costruiscono la scena senza però renderla totalmente distinta. Il fumo d’incenso che si alza dal contenitore a destra, invade il quadro e genera un’atmosfera di sospensione temporale all’interno della quale la donna sembra galleggiare in attesa di qualcosa di indefinito.

L’insieme ci appare avvolto da un alone di mistero e sensualità, tutto sembra sfuggirci nelle volute di fumo create per immergere la donna nei sogni  più profondi, ma anche per nascondere l’intima essenza della giovane dallo sguardo dell’osservatore.
 
 

10 commenti:

  1. Bravo e professionale come sempre! Dovresti proprio pubblicare queste tue recensioni e critiche in un libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvana, ti ringrazio ma forse esageri un poco, in fondo sono solo interpretazioni personali.
      Grazie ancora (i complimenti fanno sempre piacere) e ti auguro una felice serata.
      A presto.

      Elimina
  2. Anche questa volta confesso la mia ignoranza ma avevo solo sentito il nome del pittore ma non conoscevo la sua tecnica. E vedi se non c'eri tu Romualdo mio?
    Perchè la pittura di questo artista mi piace molto. Una delicatezza unita a sensualità del" ti vedo e non ti vedo"..questi colori così sfumati come avvolti nella nebbia e quel tocco di oriente che innamora...
    Grazie mio caro , un bacione notturno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, un dipinto che devia leggermente da quello che è il percorso artistico, lo stile di Oprandi. Sicuramente un quadro che nella sua assenza di una nitida espressione realistica ci accompagna con sensazioni magiche, creando un filo conduttore fra l'arte europea del tempo e le affascinanti "espressioni" della pittura orientale.
      Sono io che ringrazio te per le belle parole.
      Un abbraccio, buona serata.

      Elimina
  3. Profumo di fiori di pesco... profumo d'incenso... profumo di donna. Questo dipinto, caro Romualdo, è inebriante.
    Grazie! Buona serata. G.Piera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gian Piera, ecco che esce la poesia che è in te, bellissima la definizione "profumo di donna", vale più di molte parole.
      Grazie, ti auguro una felice serata.

      Elimina
  4. Passo per un rapido saluto. Confesso di non essere ancora in grado di concentrarmi sui testi, quindi di capire cosa sto leggendo e lasciare un commento. Mi dispiace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, è un immenso piacere risentirti, questo significa che hai superato i momenti difficili. Non ti preoccupare per i commenti, l'unica cosa che conta è che tu ti sia ripresa il resto verrà da se.
      Un abbraccio, a presto.

      Elimina
  5. si percepisce la grande raffinatezza! ciao buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, sono d'accordo con te, raffinatezza ed eleganza con un pizzico di sensualità.
      Buona giornata, a presto.

      Elimina