sabato 10 giugno 2017

Il giudizio del tempo, Paul Cézanne.


«L’artista più attaccato, più maltrattato, da quindici anni, dalla stampa e dal pubblico, è Cezanne. Non c’è epiteto offensivo che non venga accostato al suo nome, le sue opere hanno ottenuto un successo d’ilarità che dura ancora …
Paul Cézanne - Bagnanti, 1890-92. Olio su tela, cm 60x82
Musee dOrsay, Paris
… Cezanne appare come un greco della belle èpoque; le sue tele hanno la calma, la serenità dei dipinti e delle terrecotte antiche, e gli ignoranti che ridono davanti ai Bagnanti, per esempio, mi fanno l’effetto di barbari che criticano il Partenone …
Cezanne è un pittore, e un grande pittore. Quelli che non hanno mai preso in mano un pennello o una matita hanno detto che non sapeva disegnare, e gli hanno rimproverato “imperfezioni” che non sono che una raffinatezza ottenuta grazie a un’enorme abilità …
… in tutti i suoi dipinti, l’artista commuove, perché egli stesso prova, davanti alla natura, un’emozione violenta che l’abilità trasmette alla tela.»
G. Revière, in “L’impressioniste” 1887 (tratto da: Cezanne, Rizzoli editore)



«I suoi paesaggi dell’Estaque trasformano questa adorabile località d’oro e di zaffiro in un lugubre pantano color piombo, dove mai la luce ha potuto sorridere.
Il nome di Cezanne resterà unito alla più memorabile burla d’arte degli ultimi quindici anni»

C. Munclair, in “La Reuve Blue” 1904 (tratto da: Cezanne, Rizzoli editore)


Due modi, fra i tanti, di interpretare e "criticare" la pittura, in questo caso quella di Paul Cezanne, dai suoi contemporanei. Troppo spesso ci capita di leggere stroncature fini a se stesse dove l’astio verso l’artista prende il sopravvento sull’obbiettiva interpretazione dell’opera.
Le opere del pittore provenzale hanno superato la prova dell’unico giudice in grado di emettere una sentenza: il tempo.

In pochi allora, tra critici ed esperti d'arte, veri o presunti, hanno compreso la forza innovativa dell'opera di Cezanne, nessuno ha captato il genio proiettato verso il futuro, nessuno aveva capito l'importanza assoluta di questa visione artistica che ha scritto una delle pagine più importanti della storia dell'arte e che ha cambiato radicalmente il modo di vedere e concepire la pittura.

Nessuno ... tranne alcuni artisti che ne hanno saputo cogliere l'essenza rivoluzionaria.

Infatti si possono spendere un numero infinito di parole per attaccare questo o quell’artista, una o più correnti, ma solo lo scorrere degli anni ci dirà la verità riguardo qualsiasi opera d’arte. Soli chi possiede la capacità di proiettare nel futuro il proprio pensiero è in grado di comprendere in anticipo certi mutamenti, non a caso sono gli artisti stessi a possedere la capacità di "vedere" oltre.


Paul Cezanne – La Montagne Sainte-Victoire vue de Bellevue, 1885. Olio su tela, cm. 73 x 92. Barnes Foundation, Philadelphia.
 

6 commenti:

  1. Caro Romualdo, eccomi anche oggi con il mio caloroso saluto!
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, grazie, è sempre un piacere la tua visita.
      Auguro anche a te una felice giornata. Che il sorriso sia sempre il protagonista assoluto.
      A presto, un grande abbraccio.

      Elimina
  2. Sarebbe interessante vedere pubblicati in coppia elogi e stroncature, sarebbe più evidente che sono opinioni e non verità e che si basano sull'esperienza, fatta di studio ma anche di gusti ed emozioni personali e quindi ognuno può avere la propria.
    Mai affidarsi al giudizio altrui, in negativo come in positivo, in arte... ma non solo! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, tutti i giudizi, interpretazioni o "letture" sono espressione di pensieri personali. Possiamo pesare le parole in base all'esperienza o alla competenza ma non sono mai verità assolute.
      In questo caso parliamo di Cézanne e della fine dell'ottocento ma nulla è cambiato, siamo costantemente circondati da critici d'arte "mediatici" che cavalcando una presunta (secondo loro) superiorità culturale si permettono di decidere cosa è arte e cosa no.
      Io penso che l'approfondimento nello studio della storia dell'arte sia importante per comprendere l'argomento, a questo va aggiunto l'ascolto di tutte le opinioni, dai grandi storici del passato a quelli contemporanei.
      Ma non basta, per costruire un pensiero più completo sono necessari anche (e soprattutto) gli appassionati che in maniera disinteressata propongono i loro interessanti punti di vista.
      Con queste informazioni possiamo dare vita al nostro pensiero che deve sfruttare l'esperienza altrui ma che deve essere assolutamente ed unicamente nostro, pensiero che deve essere pronto ad eventuali mutamenti che il tempo ci spingerà a prendere in considerazione.
      Grazie per aver lasciato il tuo pensiero che va ad arricchire l’idea nel suo insieme.
      Buona giornata, a presto.

      Elimina
  3. Concordo in pieno!!!! Ciao carissimo buona settimana!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, buona settimana a te, a presto.

      Elimina