giovedì 16 febbraio 2017

Il libro ci svela che tutto è possibile, Vincenzo Agnetti.






Nel 1969 Vincenzo Agnetti da vita alla prima versione di quella che possiamo considerare la sua opera più nota “Libro dimenticato a memoria”.


Il volume di grandi dimensioni (70x50 cm) è composto da una copertina in tessuto ed è correlato da due nastri segnalibro.


Ma sono le pagine che orientano il pensiero o il messaggio di Agnetti, i fogli sono bianchi, o per meglio dire la parte che normalmente è dedicata alla parola è assente, è stata asportata e al suo posto troviamo uno spazio vuoto.


Non si tratta di una forma di censura anzi, lo spazio e la profondità ci mostrano il luogo ideale, il posto dove possiamo vedere, creare e ipotizzare qualsiasi cosa, un luogo dove tutto è possibile, dove si affaccia l’infinito.


In quello spazio siamo messi nella condizione di immaginare e di dimenticare allo stesso tempo, dove la memoria è dimenticabile, dove il passato viene lasciato alle spalle, il presente c’è per un istante e poi svanisce, dove il futuro possiamo immaginarcelo o costruircelo senza alcun limite di spazio e di tempo.



4 commenti:

  1. Caro Romualdo, rieccomi dopo quella brutta malattia che mi a tenuto l'ontano dai vostri blog, ora mi sto rimettendo piano piano, sono quei per portare il mio caloroso saluto, e vedere sempre i tuoi interessanti post.
    Ciao e buona serata caro amico con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, mi fa piacere che ti sei rimesso ed è un piacere risentirti.
      Ti ringrazio per le belle parole, contraccambio l'abbraccio e il sorriso.
      Ti auguro una felice serata.

      Elimina
  2. Molto interessante questa spiegazione. A prima vista mi suggeriva che le parole, i testi, i contenuti della conoscenza sono destinati a scomparire dalla memoria individuale con il tempo. Ciao, buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, in effetti, come segnalato anche dal titolo, il tuo pensiero è molto vicino alla probabile idea dell'artista.
      Mi piaceva l'interpretazione legata ad un "oltre", alla possibilità di costruire un pensiero dove all'apparenza non c'è nulla.
      Grazie, buona giornata.

      Elimina