lunedì 20 febbraio 2017

I segni del tempo, Alberto Burri.

Autore:   Alberto Burri
 
Titolo dell’opera:  Sacco – 1954
 
Tecnica:  Tela ruvida, lino, olio e oro su tavola
 
Dimensioni: 33 cm x 38 cm
 
Ubicazione attuale:  Collezione privata
 
 
 
 
 
Materiali consumati dal trascorrere del tempo e destinati ad essere buttati, a trasformarsi in rifiuti.
Burri li raccoglie, scarti lacerati e in disfacimento vengono ricuciti e dipinti e benché ancora in condizioni tutt’altro che ottimali, riprendono vita.
Forse l’esperienza di medico nell’esercito durante la seconda guerra mondiale, dove giornalmente si confrontava con feriti di ogni genere tra bende insanguinate e lacerazioni di qualsiasi “forma” e gravità, ha contribuito all’influenza della futura carriera artistica.
Il materiale grossolano e le cuciture sommarie aggiunte ai vistosi strappi creano un confronto-scontro tra la bellezza della ricostruzione e il decadimento dei materiali stessi.
Chi si accinge a “guardare” quest’opera ne può essere disorientato, le reazioni vanno dallo sdegno iniziale al desiderio di comprenderne il significato, è comunque quasi impossibile restarne indifferenti.
 
 

4 commenti:

  1. Beh, sì, sapendo dell'esperienza di cui parli pare inevitabile che abbia influito su certe scelte di materiali e colori... i tuoi piccoli preziosi post aiutano sempre a restare un po' meno disorientati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, ogni piccola o grande informazione influenza l'interpretazione di un'opera.
      In questo caso sapere del passato da medico impegnato in guerra modifica completamente la percezione che si ha davanti al quadro.
      Grazie, sei sempre gentilissima.
      Buona serata.

      Elimina
  2. l'impatto emotivo è notevole. ecco uno di quei casi in cui l'arte ha una funzione filosofica e stimola nello spettatore tante domande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, hai perfettamente ragione, l'obbiettivo è mostrare l'indefinito e spingere chi osserva a porsi determinati interrogativi, affrontare l'opera per comprenderne l'essenza evitando di subirla passivamente.
      Grazie, buona serata.

      Elimina