lunedì 19 dicembre 2016

La memoria di un dolore. Pellizza da Volpedo.


Autore:   Pellizza da Volpedo (Giuseppe Pellizza)

Titolo dell’opera: Ricordo di un dolore (Ritratto di Santina Negri) – 1889

Tecnica: Olio su tela

Dimensioni: 107 cm x 79 cm

Ubicazione attuale:  Accademia Carrara, Bergamo.





«Tornato immediatamente da Parigi colpito dalla morte di mia sorella Antonietta, volli ricordare il mio dolore con una mezza figura intitolata appunto “Il ricordo di un dolore"»

Con queste parole, scritte in una lettera all’amico Vittorio Pica, Giuseppe Pellizza racconta il senso di quest’opera.

Il pittore alessandrino trasferisce i propri sentimenti nel ritratto della giovane modella Santina Negri, che interpreta magistralmente la tristezza e l’angoscia provati per la perdita di una persona cara.

La scena è di grande impatto, la stanza, di cui si vede solo una piccola parte, sembra vuota, senza alcun orpello e ci da una sensazione di smarrimento.

La giovane è seduta, quasi abbandonata, sulla poltrone e lascia che lo sguardo si perda nel nulla, nell’espressione del viso si notano espressioni di grande angoscia, il dolore, la consapevolezza che ciò che è stato non sarà più.

La mano sinistra è l’unico indizio di un tentativo di reazione della ragazza, infatti sembra volersi aggrappare ad una forse illusoria speranza.

Il braccio destro è invece abbandonato in grembo e lascia il libro dove si nota un fiore essiccato, forse una viola del pensiero, un tentativo di lenire il dolore. Infatti il fiore stesso nella simbologia riporta a pensieri che malinconicamente ci riallacciano con ciò che più ci è stato caro.

Il taglio netto dei colori, dal blu della gonna al bianco della camicetta, divise dalla fascia gialla che ne riduce il contrasto, fino alla porta che intravediamo alle spalle e che si insinua nello sfondo monocromatico, il tutto ci racconta l’istante con realismo e ci coinvolge nel turbinio di emozioni, tanto da esserne emotivamente partecipi.

6 commenti:

  1. Un dipinto davvero carico di emozioni ed estremamente realistico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvana, trasmette le emozioni con grande forza al punto che le sentiamo nostre.
      Grazie, buona serata.

      Elimina
  2. Desidero augurarti un felice e sereno Natale, ciao Romualdo! Smaaaaaaaaaccccckkkkkkkkk!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, grazie mille.
      Contraccambio il bacio e ti auguro un Natale di grande armonia e serenità.
      Auguri.

      Elimina
  3. Una grande opera d'arte! Molto profonda anche la tua descrizione...ciao a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, è sicuramente un'opera di grande livello, mi fa piacere che ti sia piaciuta anche la mia interpretazione.
      Grazie, felice serata.

      Elimina