sabato 24 settembre 2016

Poesia e musica, Over the Rainbow.


"Over The Rainbow" è nota anche come "(Someweher) Over The Rainbow", il significato preciso del titolo è infatti “(da qualche parte) oltre l’arcobaleno” anche se il testo ci propone "sopra l'arcobaleno, proprio lassù".

E' il riferimento alla speranza che oltre ciò che vediamo ci sia qualcosa di meraviglioso, che ad attenderci ci sia ciò che desideriamo.

La canzone è stata scritta da Harold Arlen, il testo è di Edgar Yipsel "Yip" Harburg, nel 1939 per il film “il Mago di Oz”. E’ Judy Garland che intona per la prima volta questo brano che è destinato a diventare uno dei più grandi classici della storia della musica.


Decine le versioni che sono state proposte da allora, grandi cantanti si sono esibiti nella “cover” di questo brano, solo per citarne alcuni ricordo: Franck Sinatra, Mina, Ella Fitzgerald, Maceo Parker, Nick Cave, Kylie Minougue, Ray Charles, Glen Miler, i Deed Parpol, Joe Satriani, Aretha Franklin e altri ancora.

Ma è forse la versione di Israel Kamakawiwoʻole’s (detto “Iz”) che ha reso il brano ancora più intenso. Il cantante hawaiano è riuscito a creare un’atmosfera eterea, sospesa nel tempo, l’espressione ideale per raccontare il sogno di un mondo più giusto, più bello, oltre l’orizzonte dell’arcobaleno.

Il testo è una poesia che coinvolge fino a commuovere, nella sua semplicità emerge il naturale desiderio di godere delle cose che già ci sono ma che il nostro modo di vivere ci preclude, il ” naturale” canto degli uccelli, le nuvole, il cielo blu, sembrano quasi ovvi ma ci stanno sfuggendo di mano.

Il brano trasmette gioia, serenità e tanta voglia di vivere, anche se la frase finale ammanta il tutto di triste malinconia: “perché, perché io non posso?”




(da qualche parte) Oltre l'arcobaleno
 
Da qualche parte sopra l'arcobaleno
proprio lassù,
ci sono i sogni che hai fatto
una volta durante la ninna nanna

da qualche parte sopra l'arcobaleno
volano uccelli blu
e i sogni che hai fatto,
i sogni diventano davvero realtà

un giorno esprimerò un desiderio su una stella cadente
mi sveglierò quando le nuvole saranno lontane dietro di me
dove i problemi si fondono come gocce di limone

lassù in alto, sulle cime dei camini, è proprio lì che mi troverai
da qualche parte sopra l'arcobaleno, volano uccelli blu
e i sogni che hai osato fare, oh perché, perché non posso io?
Ecco vedo alberi verdi e
Anche rose rosse,
li guarderò sbocciare per me e per te
e penso tra me e me
che mondo meraviglioso


ecco vedo cieli blu e nuvole bianche
e la luce del giorno
mi piace il buio e penso tra me e me
che mondo meraviglioso


I colori dell’arcobaleno così come sono carini nel cielo
Lo sono anche sui volti della gente che passa
Vedo amici stringersi la mano
E dirsi: “Come stai?”
Dicono davvero, io...io ti amo


Sento il pianto di bambini e li vedrò crescere,
impareranno molto di più
di quello che tutti noi sappiamo
e penso tra me e me
che mondo meraviglioso


Spero un giorno di svegliarmi
Su una stella dove le nuvole siano lontane dietro di me
Dove i problemi si mescolano come gocce di limone
Sulle cime dei caminetti è lì che mi troverai


Da qualche parte oltre l’arcobaleno
Volano uccelli blu
E i sogni che tu osi,
perché, perché io non posso?

 
 
 
 
 
 

14 commenti:

  1. Che "grandiosità"!
    Magico il pezzo di Iz e magica la tua spiegazione estremamente esauriente.
    Come sempre scopro nuove cose con te. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, magico il brano, (la versione di "Iz" secondo me è la migliore) la mia interpretazione è il naturale "sentire" del brano stesso.
      Grazie a te, sei sempre gentilissima, mi fa piacere l'idea che i miei post permettano nuove scoperte (mi auguro piacevoli).
      Buona serata, a presto.

      Elimina
  2. Caro Romualdo, che post, straordinario ci ha fatto vedere, non ho parole per dirti grazie di averlo condiviso, con noi.
    Ciao e buon fine settimana caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, sono felicissimo del tuo entusiasmo, un brano favoloso con un testo emozionante.
      Grazie carissimo, buona serata.

      Elimina
  3. Questo testo dell'awaiano Iz è un bell' esempio di fusione tra poesia e musica. Del resto anche noi abbiamo cantantautori come Vecchioni, Cocciante, Battiato, solo per citarne alcuni, che scrivono testi veramente poetici.
    Grazie Romualdo! Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gian Piera, il testo di una canzone in fondo altro non è che una "poesia" in musica, preso da solo ha le stesse sembianze, chiaramente non tutti i testi sono "Poesia", nel caso di "Over the Rainbow" forse non ci troviamo davanti all'eccellenza poetica ma le emozioni che trasmette sono vicinissime ad essa.
      Grazie a te, buona domenica.

      Elimina
  4. Io sono così strettamente legata alla versione della Garland con quella voce meravigliosa che le altre passano in secondo piano. Perchè? Perchè ricordo questa favola da piccina , la favola del " Mago di Oz" che mi faceva tanta paura e poi l'ho sempre rivista e l'ho sempre più trovata adorabile, con questa meravigliosa musica che dovrebbe invitarci a riflettere su quante cose stiamo perdendo!
    Grazie mio caro amico, un abbraccio fortissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, ho inserito i due brani che, penso, hanno fatto da filo conduttore al pezzo dal 39 ad oggi. Quello della Garland è l'originale quello più vero, mentre quello di Iz è a mio parere il più intenso ed emozionante.
      Il testo è una poesia meravigliosa, le musiche, nel tempo, hanno solo fatto la parte che spetta alle cornici, creando un'aura più o meno affascinante attorno alle parole.
      Anche questi versi, questa musica, come tutte le opere "creative", trasmettono sensazioni differenti ad ognuno di noi.
      Grazie a te, un abbraccio e l'augurio di una felice settimana.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ciao Silvana, troppo buona (come sempre), sono particolarmente legato a questo brano e a questo testo e sono felice che ti piaccia.
      Grazie, buona serata.

      Elimina
    2. E' vero! E'una canzone stupenda che mi capita spesso di intonare (indegnamente!)

      Elimina
    3. Nessuno è indegno, ognuno la interpreta in modo personale.

      Elimina
  6. Molto bella questa versione....poi è sempre una canzone mitica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, trovo anch'io che la versione di Iz sia particolarmente bella, ma oltre alla melodia trovo stupendo il testo.
      Buona serata.

      Elimina