venerdì 18 marzo 2016

Barche a vela, Lyonel Feininger


Autore:   Lyonel Feininger

Titolo dell’opera: Barche a vela – 1929
 
Tecnica: Olio su tela

Dimensioni: 43 cm x 72 cm

Ubicazione attuale:  Detroit Institute of Arts, Detroit.





Triangoli di svariati colori ci ricordano una sfilata di barche a vela, le linee che tagliano obliquamente la tela creano un motivo ritmico che da una sensazione di spazio, movimento e velocità.

Lo sfondo può ricordare il cielo con tratti leggeri che riconducono ad un orizzonte che si addensa di nuvole.

Ma si può avere la sensazione che la “regata” si svolga all’interno di una grande stanza, le barche navigano attraversando un’enorme grotta le cui pareti sono illuminate dalla luce proveniente dall’apertura.

Il dipinto non è astratto ma lascia molto spazio all’immaginazione, l’opera si presta a molte interpretazioni anche se le figure delle barche a vela paiono molto riconoscibili.

Feininger statunitense di nascita (è nato a New York) ha costruito la propria arte in Europa, in particolare a Parigi dove espone molte opere e viene in contatto con il movimento cubista e con Robert Delaunay che ne influenza fortemente lo stile.

Nel 1913 espone con il gruppo Blaude Reiter, del quale fa parte Vasilij Kandinskij, il confronto con l’artista russo contribuisce all’arricchimento della tecnica di Feininger.

Solo pochi anni dopo approda alla scuola del Bauhaus, ma nel 1935 torna negli Stati Uniti in concomitanza con la chiusura della scuola da parte del regime nazista.

E’ molto interessato agli aspetti della modernità e delle sue immancabili novità artistiche, ma i suoi lavori preferiti sono soggetti architettonici e panorami marini, dove è evidente il continuo utilizzo di strutture geometriche.

8 commenti:

  1. Risposte
    1. Ciao Marina, mi fa molto piacere l'idea di interessare chi passa da qui, naturalmente il merito è degli artisti e delle loro opere.
      Grazie, a presto.

      Elimina
  2. Mi piace molto il dipinto. Queste barche dalla struttura geometrica danno un incredibile senso di leggerezza, come se volassero sulla superficie dell'accqua. E' vero che si possono immaginare all'interno di una grotta, come tu dici, e in questo caso la luce che penetra nel vano chiuso e il movimento delle barche che si intravede agile trasmettono un senso di ritrovata libertà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, fai bene a rimarcare il senso di estrema leggerezza che infondono le imbarcazioni e trovo favoloso il gioco di riflessi luminosi che attraversano il dipinto.
      Grazie per il tuo pensiero, ti auguro una felice domenica.

      Elimina
  3. Sembra Futurismo...
    Molto bella quest'opera!
    La frammentazione mi stupisce. Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, interessante l'accostamento al futurismo, il movimento e la continua trasformazione dell'opera in effetti può ricordarlo.
      Grazie, un abbraccio e buona giornata.

      Elimina
  4. "Il dipinto non è astratto ma lascia molto spazio all’immaginazione, l’opera si presta a molte interpretazioni anche se le figure delle barche a vela paiono molto riconoscibili."

    Sì, sembra che siano rappresentate semplicemente delle barche che sfilano ma le forme accattivanti, rese come con una composizione di pezzi di vetro che riflettono luminosi colori, mi danno emozioni e una grande energia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, è questo che intendevo con la frase che tu hai riportato, nelle figure si riconoscono le barche ma ognuno ne trae sensazioni differenti, la tua interpretazione ne è la conferma e devo dire che la trovo molto interessante.
      Buona serata, a presto.

      Elimina