mercoledì 23 dicembre 2015

Il ciclope e l'amore per Galatea, Odilon Redon.


Autore:   Odilon Redon

Titolo dell’opera: Il ciclope – 1898-90

Tecnica: Olio su tavola

Dimensioni: 64 cm x 51 cm

Ubicazione attuale:  Rijksmuseum kröller-Muller, Otterlo.





La scena è naturalmente ispirata alla mitologia greca, la ninfa Galatea giace addormentata mentre il gigante lancia uno sguardo di desideroso amore all’oggetto della sua devozione.

La romantica versione “classica”  raccontata con poesia e sentimentalismo da Gustave Moreau, viene rielaborata da Redon, il pittore belga ne fa una versione che mischia il lato terrificante dell’incubo con una visione più romantica data dallo sguardo tutt’altro che ostile del ciclope e dall’uso dei colori, che “ricamano” la scena, infatti i colori caldi lasciano trasparire il sentimento positivo del gigante.

Redon è sempre stato più interessato all’esplorazione della psiche, piuttosto che all’oggettiva rappresentazione della realtà.

Per lui era fondamentale trovare una forma artisticamente espressiva che invitasse alla ricerca e alla riflessione fortemente introspettive.

La magia della visione interiore porta Redon a creare litografie e dipinti fantastici, dove il soggetto irreale viene espresso all’interno di diversi frammenti di sogno.

Le sue opere, ricche di colore, i paesaggi, i dipinti di fiori e la continua ricerca del “calore” artistico, hanno avuto un forte influenza sul gruppo di giovani artisti che si riuniranno sotto il nome di Nabis.

15 commenti:

  1. Per un certo periodo ho seguito i Nabis, ho fatto una ricerca, intendevo dire.
    Questo olio di Redon ha una composizione dei colori come fossero tempere e non oli.
    Valutazione mia: straordinario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo, dici bene, la composizione sembra andare oltre la semplice (semplice è un modo di dire, perché semplice non è) pittura a olio, ma sono l'insieme cromatico e lo sguardo del ciclope ad accompagnarci nel sogno, un'opera che cattura lo sguardo e lentamente ci conquista.
      Grazie e buona serata.

      Elimina
  2. Direi che l'invito alla ricerca e alla riflessione introspettive è riuscito! Un dipinto che attira l'attenzione e... la trattiene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, in effetti è l'obbiettivo di Redon, o perlomeno di quest'opera, che lascia una sensazione (almeno per me) di "curiosa serenità".
      Grazie, buona giornata.

      Elimina
  3. Approfitto questa interessante pubblicazione, per lasciarti i miei migliori auguri per le Feste, Romualdo. Buon Natale a te, ai tuoi lettori del blog, amici e familiari. Grande abbraccio dalla Argentina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patzy, contraccambio con piacere i graditissimi auguri, auguro a te e ai tuo cari un sereno presente ed un favoloso futuro.
      Grazie, un abbraccio a tutta l'Argentina.

      Elimina
  4. Anche io. Auguri Romualdo, fine intenditore d'arte, cultore d'arte, diffusore di idee sull'arte epigone di una fortunata genia andata purtroppo QUASI in esaurimento. Ma tu tieni forte la posizione, siamo in tanti a volerlo. Tantissimi auguri di un felice Natale.
    Enzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo, ti ringrazio, anche se hai un po' esagerato con i complimenti (che comunque fanno molto piacere). Dopo il tuo incitamento riparto ancora più carico di prima con la speranza di riuscire a raccontare l'arte senza essere noioso.
      Un augurio di grande serenità per te e tutta la tua famiglia, grazie davvero.

      Elimina
  5. Non conosco molto bene questo artista anche se da come lo decrivi, le sue intenzioni vengono fuori dalla sua forma pittorica ricca di significati più che di stile ben definito.
    Un bacio Romualdo e MErry Xmas time !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, come sempre i giudizi e le impressioni sono soggettivi, si può arrivare all'anima del dipinto dall'impressione visiva, oppure "innamorarsi" dell'opera partendo dall'essenza e lasciandosi trasportare fino al semplice piacere dell'immagine.
      Grazie, ricambio il bacio e ti abbraccio, tanti auguri.

      Elimina
  6. Ciao Romualdo!
    Auguri e felice feste tra amici e parenti.
    Abbraccio grande e bello questo tuo post!
    Il ciclope mi è sempre stato simpatico...ahahahahah...
    Bravissimo nel tuo racconto d'arte...come sempre. Smack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, grazie e auguri anche a te, il ciclope infatti non suscita che simpatia, sarà il suo essere diverso, grande e impacciato, e l'impossibile amore per una creatura troppo diversa ci fa provare tenerezza.
      Grzie per i complimenti, faccio del mio meglio.
      Un grande abbraccio.

      Elimina
  7. Ciao Romualdo!
    Auguri e felice feste tra amici e parenti.
    Abbraccio grande e bello questo tuo post!
    Il ciclope mi è sempre stato simpatico...ahahahahah...
    Bravissimo nel tuo racconto d'arte...come sempre. Smack!

    RispondiElimina
  8. Risposte
    1. Ciao Marina, ti ringrazio, mi fa piacere che lo trovi interessante.
      Buona serata e buon anno.

      Elimina