sabato 24 ottobre 2015

La morte di Maria, Pieter Bruegel.


Autore:   Pieter Bruegel

Titolo dell’opera: La morte di Maria (o La morte della Vergine) – 1564 ca

Tecnica: Grisaglia su tavola

Dimensioni: 36 cm x 55 cm

Ubicazione attuale:  Upton House, National Trust, Banbury.






Si tratta della prima delle due opere realizzate a grisaglia (subito dopo realizza: Cristo e l'adultera) un’autentica rarità per il pittore fiammingo, infatti sono le uniche due opere in cui non vi è il minimo accenno di paesaggio.

La struttura del dipinto presenta due parti ben evidenziate anche distanti tra loro, nel lato sinistro notiamo una figura addormentata accanto al fuoco di un camino, si pensa di riconoscere Giovanni l’Evangelista.

Nella parte destra vediamo la Vergine morente semisdraiata sul letto, attorno un numero elevato di dolenti si affolla per l’ultimo saluto e l’ultima preghiera. E’ insolito vedere una simile folla, l’iconografia tradizionale ci tramanda la dipartita di Maria circondata da pochi intimi.

Al centro del dipinto, in primo piano, si vede un tavolo ricoperto di stoviglie.

Il gioco luminoso, originale ed emozionante, è realizzato attraverso il chiarore di quattro distinte fonti di luce, il camino a sinistra, che illumina la figura di Giovanni, la lampada che illumina, con un tenue chiarore, le travi del soffitto sullo sfondo al centro dell’opera, l’intensa luce emanata dalla candela impugnata dalla morente e il piccolo lume che da vita al tavolo ai piedi del letto.

La grande capacità di osservazione e di resa della luce, fanno di Bruegel un autentico innovatore, capace di anticipare le opere di Caravaggio e Rembrandt.

Un’ipotesi attendibile dice che l’ambientazione notturna e il preciso posizionamento della luce, con il rispettivo gioco d’ombre, sia stata ideata da Bruegel per suggerire l’idea che la scena rappresentata sia in realtà un sogno dell’Evangelista Giovanni dormiente.

6 commenti:

  1. Caro Romualdo, un caro saluto, augurandoti un buon fine settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, buon fine settimana a te.
      Un abbraccio, a presto.

      Elimina
  2. Un lavoro fantastico questo che ci mostri oggi ... E 'vero, è diverso. Personalmente ammiro ai maestri del chiaroscuro (Caravaggio è tra le mie preferiti), così che ho amato la tua proposta. Abbracci, Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patzy, davvero inconsueto questo dipinto di Bruegel, un'anticipazione dei grandi maestri della luce e delle sue ombre.
      Sono felice che ti sia piaciuto questo dipinto.
      Un grande abbraccio, buon week end.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ciao Marina, stringata ed efficace, sono d'accordo sulla grandezza di Bruegel.
      Buona serata carissima, a presto.

      Elimina