domenica 13 settembre 2015

Interno di un giorno qualunque, Adriaen Van Ostade.


Autore:   Adriaen Van Ostade

Titolo dell’opera: Interno con contadini – 1663

Tecnica: Olio su tavola

Dimensioni: 34 cm x 40 cm

Ubicazione attuale:  Wallace Collection, Londra.





Una madre tiene in braccio un bambino davanti alla finestra e cerca, non senza opposizione, d’imboccare il piccolo che sembra non gradire.
In un ambiente buio e disordinato si svolge una qualunque scena di vita quotidiana, emerge l’estrema povertà accentuata da gusci di uova e di molluschi sparsi sul pavimento sporco.
L’arcolaio e il telaio completano la scena, dove l’indigenza la fa da padrona. La madre, l’unica figura illuminata dalla luce proveniente dalla finestra, sembra quasi trasmettere un messaggio moralistico, come se dicesse al bambino che rifiuta il cibo, "la povertà colpisce chi non sa apprezzare le cose che si posseggono".
Ma il tono dell’opera sembra più descrittivo che moralistico, Van Ostade racconta la difficile vita contadina sottolineando il lavoro continuo e faticoso delle donne, oltre agli strumenti di lavoro femminile, le donne si devono occupare anche dei figli, mentre gli uomini per niente cooperativi tra le mura domestiche, si concedono delle pause dal lavoro nei campi, infatti si vedono tre paesani che confabulano nell’oscurità in secondo piano.
L’unica nota lieta del dipinto è il vaso con una pianta posto sul davanzale, fuori la luce solare crea un ambiente più sereno e piacevole che contrasta con la profonda tristezza dell’interno.
Negli anni le tele di Van Ostade si arricchiscono di colori e le scene famigliari divengono sempre meno cupe, lasciando posto a sensazioni decisamente più positive.
 
 

6 commenti:

  1. Si, è vero, l'interno è cupo, povero, sciatteria e disordine la fanno da padrone, ma interessante il contrasto fra la donna alle prese con una delle tante fatiche quotidiane e l'indifferenza degli uomini sullo sfondo. Eppure c'è una sorta di calore in quell'interno, sarà il caldo del marrone o il fascio di luce che vi penetra. Quella donna illuminata è come un riscatto alla miseria dell'ambiente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, infatti la donna è l'assoluta protagonista del quadro, ed è l'unica figura che dia un po' di speranza, ma la descrizione migliore l'hai appena fatta tu e per questo ti ringrazio.
      Buona serata e buona settimana.

      Elimina
  2. ottima descrizione!!!!! ciao, buon inizio settimana!!!! (io appena rientrata dalle ferie)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, grazie sempre gentile, mi auguro che le vacanze siano andate bene tanto da darti la giusta carica per ricominciare.
      Buona settimana a te, a presto.

      Elimina
  3. È pazzesco notare come il ritratto di un momento di semplice e "difficile" quotidianità possa diventare, fermata in un dipinto, tanto affascinante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, la pittura riesce spesso a rendere affascinante la vita quotidiana pur mantenendone la drammaticità, come se ci raccontasse una "storia", sappiamo che si tratta di ricostruzioni tratte dalla realtà ma l'arte ammanta il tutto di poesia come se si trattasse di una favola.
      Grazie e buona serata.

      Elimina