giovedì 30 aprile 2015

Introspezione in blu, Yves Klein.


Autore:   Yves Klein

Titolo dell’opera:   IKB 79 – 1959 ca.

Tecnica:   Pigmento e resina sintetica su tela

Dimensioni:   140 cm x 119,5 cm

Ubicazione attuale:   Tate Gallery, Londra.





Il titolo dell’opera è un acronimo (International Klein Blue) ed è il nome del colore creato e brevettato dall’artista stesso, a base di resine sintetiche e pigmenti blu.

Il blu appare nella maggior parte dei dipinti di Klein, in colore che ha sempre definito “il più significativo per la mia vita artistica e non”, un colore in grado di esprimere una sensazione di forte spiritualità e libertà, peculiarità, queste, delle sue opere.

L’obbiettivo e, di conseguenza, l’effettiva forza del dipinto sta nella capacità di arrivare al cuore dell’osservatore e incoraggiarne la meditazione.

Klein viene considerato uno degli artisti di maggior influenza nel dopoguerra, è la figura più importante del Noveau Realisme, la derivazione francese del movimento New Dada, che suscita grande interesse negli Stati Uniti, il fine di questa espressione artistica è quello di creare un’arte di diretta espressività con fortissimi accenni provocatori.

Tra i suoi lavori troviamo dipinti deliberatamente bruciati e danneggiati, famosa la serie di “antropometrie”, corpi di modelle dipinte con il suo famoso blu e trascinate sulla tela per lasciare un’impronta, tutto questo sotto l’attenta direzione di Klein e con, in sottofondo, l’accompagnamento di una sinfonia composta dal pittore stesso.

Klein muore nel 1962 per un attacco di cuore a soli 34 anni, se ne va il giovane uomo, resta nella storia il grande artista.
 
 

4 commenti:

  1. Caro Romualdo, io non sono un intenditore, posso dire che questo blu è bellissimo!!!
    Ciao e buon primo maggio caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, mi piace questo dipinto perché il blu mi trasmette le stesse sensazioni che Klein ha voluto "creare" con la sua opera, e questo blu in particolare è decisamente intenso.
      Buona serata carissimo, a presto.

      Elimina
  2. Ciao Romualdo.
    Devo dire che Klein più che un artista è stato un eccellente fantasista.
    Molto interessante ciò che di nuovo ho scoperto, come sempre ti ringrazio molto.
    Abbracci e buon 1°Maggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, d'altro canto quale artista non è stato (e non lo è tuttora) un "realizzatore" di fantasie, anche quando si crea un opera attinente alla realtà non si raggiunge l'obiettivo se non si utilizza la fantasia, anzi credo che nel momento che la stessa viene a mancare il dipinto, o qualsiasi altro tipo di opera, risulta senz'anima e non da quelle sensazioni che una creazione artistica dovrebbe trasmettere.
      Sono io che ringrazio te per l'interessante spunto di riflessione.
      Un abbraccio e buon fine settimana.

      Elimina