venerdì 13 marzo 2015

Le "Librerie" sulla libreria, Giuseppe Maria Crespi.


Autore: Giuseppe Maria Crespi

Titolo dell’opera: Librerie – 1725 c.

Ubicazione attuale: Museo Internazionale e biblioteca della musica, Bologna.




 
L’opera in realtà non è un quadro, ma il pittore bolognese ha realizzato il dipinto sulle ante di una libreria di proprietà di Padre Giambattista Martini ( anta sinistra cm. 165,5 x 78, destra cm. 165,5 x 75,5). La libreria è ospitata al Museo Internazionale e biblioteca della musica a Bologna.
Bellissimo esempio di natura morta (l’unico suo lavoro di questo genere), uno dei capolavori assoluti della pittura italiana del settecento.

Queste due finte librerie colme di libri musicali e di spartiti quasi rimessi a posto di fretta e alla rinfusa, ci danno un senso realistico di vita vissuta, di studio e passione per la musica.

Attento ai particolari ha dipinto i tomi con grande accuratezza, mentre i titoli stampati sui libri paiono volersi staccare dagli stessi, quasi a voler descrivere il continuo movimento della musica nella sua storia.
Crespi famoso come ritrattista, (si dedica a quest’opera per l’insistenza di padre Martini, grande musicologo, rispettato e temuto critico di rilevanza europea) incanta con questo dipinto tanto da lasciare un segno indelebile nella storia dell’arte.

8 commenti:

  1. Buon fine settimana caro Romualdo.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, grazie della visita e buona domenica.

      Elimina
  2. Si, hai ragione, davvero incantevole questo dipinto! Confesso che non conoscevo né l'artista, né il suo originalissimo quadro. Se non fossi passata da te, mi sarei persa qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, l'originalità del supporto che ha accolto l'opera, oltre al dipinto stesso, sono l'ennesima dimostrazione del talento e del genio artistico "italiano", il mio amore per i libri ha fato il resto, trovo queste "librerie" ipnotiche e piene di fascino, lasciano l'interrogativo: cosa contengono effettivamente quei libri antichi?
      Grazie per i tuoi interventi sempre piacevolissimi, A presto, buona serata.

      Elimina
  3. Una libreria un po' vera e un po' finta! Bello e originale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, in effetti Crespi non ha riprodotto realisticamente la libreria forse proprio per fare una distinzione tra i libri e ciò che li costudisce.
      Buona serata, a presto.

      Elimina
  4. Segnalo che il dipinto in questione è esposto al Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna ormai dal 2004...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la segnalazione, buona serata.

      Elimina