mercoledì 25 febbraio 2015

Tre donne, Umberto Boccioni.


Autore:                      Umberto Boccioni

Titolo dell’opera:      Tre donne – 1910-11

Tecnica:                    Olio su tela

Dimensioni:              180 cm x 132 cm

Ubicazione attuale:  Collezione della Banca Commerciale Italiana, Milano .





Con quest’opera Boccioni segna un’evoluzione decisiva per la pittura italiana nel novecento.
Dal punto di vista tecnico, la tela, di grandi dimensioni,  si avvicina all’arte divisionista, evidente l’eredità di Pellizza da Volpedo.

Boccioni tuttavia utilizza una “frammentazione” del colore che trasforma i tre ritratti all’apparenza statici, in un vortice dinamico rafforzato da un effetto opacizzato, come uno strato polveroso in movimento, mosso e vibrante, tagliato quasi nettamente da intense scaglie di luce.
Il tema del dipinto, ricorda il tardo ottocento,  Boccioni riprende il soggetto delle “tre età della donna”, caro al simbolismo, e svolto anche da altri artisti, per esempio da Klimt.

Il riferimento alla tradizione però si trasforma e il pittore calabrese ne disegna una versione avvolta da un appassionato campo di forze psicologiche, di forte espressione.

Le opere di Boccioni hanno sempre avuto al loro interno delle forti presenze simboliche, tra le altre, le figure femminili.

Spesso appaiono nei suoi dipinti le donne della sua famiglia, la sorella e soprattutto la madre, immagine determinante per tutti gli anni di carriere dell’artista.

La progressiva deformazione dell’immagine della donna, dal Realismo di fine ottocento al Futurismo “antigrazioso”, segna in modo indelebile il “passaggio” artistico dello stile di Boccioni. 

8 commenti:

  1. Buona serata caro Romualdo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, buona serata anche a te, a presto.

      Elimina
  2. Femminilità, dolcezza, profondità e leggerezza insieme traspaiono dal cerchio delle tre donne. quale che sia la loro età. Trovo che la sua sia una interpretazione completa dell'animo femminile, al punto che mi ritrovo in tutte e tre le donne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, al tema classico del ritratto con una visione realistica e nello stesso tempo poetica, Boccioni aggiunge quello che in seguito diviene il suo "marchio di fabbrica", la scomposizione (qui solo accennata) dell'immagine e la deformazione del tutto che riappare sotto una forma meno legata alla realtà e più vicina ai simboli.
      Grazie, le tue "letture" ci regalano un ulteriore tassello che ci aiuta a meglio comprendere l'arte nel suo insieme.
      Buona serata.

      Elimina
  3. Bellissimo Romualdo.
    Questo è uno dei suoi ultimi dipinti, perché se non erro, Boccioni morì nel 1916.
    Qui si parla di Futurismo, movimento, dinamicità e rifiuto delle vecchie leggi artistiche.
    Amava i colori complementari, quelli che uniti insieme generano, con la percezione che abbiamo della luce, il grigio, il verde, il marrone...
    Qui ci sono tutti.
    Questo che hai postato è stupendo. Grazie!
    Ti abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, e vero che se ne è andato a soli 34 anni, ma dal 1911, anno di "nascita" di quest'opera, al 1916, anno della sua dipartita, Boccioni realizza forse le sue opere più famose, dalla "Città che sale" 1911, a "Testa+Luce+Ambiente" 1912, a "Materia" 1912, fino alla sua opera più rappresentativa, la scultura "Linea unica della continuità" che nonostante non sia un dipinto da l'impressione (opinione personalissima) che racchiuda tutto il percorso artistico di Boccioni.
      Quello che dici nella tua precisa descrizione dell'opera è vero, i colori emanano la luce invece di limitarsi a rifletterla.
      Grazie a te Pia, sempre puntuale e precisa nei tuoi preziosi interventi, che completano le mie, si appassionate ma poco tecniche "riletture" di questa e altre opere.
      Un abbraccio, Buona serata.

      Elimina
  4. Dipinti come questi mi fanno commuovere e mi danno sempre lo spunto per andare a vanti e provare a fare di più!
    Ciao Romualdo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessia, nel tuo caso si aggiunge l'occhio dell'artista, un ulteriore punto di vista che va oltre l'impatto visivo immediato.
      Io mi limito a descrivere ciò che vedo con le parole, a te l'ulteriore possibilità di rielaborare quello che vedi ed esprimerlo sulla tela.
      Buona domenica, a presto.

      Elimina