martedì 21 ottobre 2014

Taci oppure dì cose migliori del silenzio, Salvator Rosa.


Autore: Salvator Rosa

Titolo dell’opera: Autoritratto – 1640

Tecnica: olio su tela

Dimensioni: 116 cm x 94 cm

Ubicazione attuale: National Gallery di Londra

 
 

L’espressione triste e sdegnosa quasi che l’artista voglia ammonirci. La tavoletta che tiene in mano riporta infatti la frase “Aut tace aut loquele meliora silentio” (Taci oppure dì cose migliori del silenzio).
Il severo messaggio contenuto nel cupo dipinto è accentuato dall’abbigliamento del personaggio, che gli da un’aria quasi sinistra; mentre lo strano cielo senza orizzonte sembra sollevarlo sopra di noi.
Rosa è fortemente attratto dal crudo realismo di Jusepe de Ribera, che si stabilisce a Napoli nel 1616.

Il suo personale , e molto ammirato, spirito “selvaggio”, che appare evidente anche nei paesaggi più poetici, esercita un influsso fondamentale sui paesaggisti romantici del tardo settecento e del ottocento.
Oltre alla pittura Rosa è stato un incisore di ottimo livello e si è cimentato anche nell’arte della poesia, del teatro e della musica.

18 commenti:

  1. Quando sono stata in S. Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma, ho visto la tomba di questo pittore. Non sapevo che lui era lì. Ci mostri pittori interessanti e diversi, Romualdo. Grazie! Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patzy, nei viaggi, a volte, si scoprono piccole curiosità impreviste, il che rende la visita ancora più interessante.
      Grazie e buona serata.

      Elimina
  2. Non lo conoscevo per niente, ti ringrazio caro Romualdo die tuoi post che mi fanno conoscere cose nuove.
    Buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, ci sono molti artisti poco conosciuti, scambiarci notizie e curiosità da la possibilità, a noi blogger, di scoprire sempre qualcosa di nuovo.
      Un abbraccio, buona serata.

      Elimina
  3. Non lo conoscevo...grazieee. La frase la trovo superissima...da considerare molto in questi tempi di caos totale. e di tanti bla bla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla, in effetti la frase colpisce come un macigno, come oggi anche allora la marea di parole inutili ha seppellito il buon senso, c'è bisogno di chi sa ascoltare, ma è una caratteristica alquanto rara.
      Grazie a te e buona serata.

      Elimina
  4. Caro Romualdo,
    i tuoi post sono sempre fantastici, non conoscevo questo pittore, bella e interessante la frase!
    Un caro saluto
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella, non esagerare con i complimenti, corro il rischio di montarmi la testa.
      Ho trovato interessante l'abbinamento - autoritratto e con annessa una frase di rara intensità- cosa che non si vede spesso, la frase poi è veramente una sentenza.
      Buona serata, a presto.

      Elimina
  5. Grazie Romualdo per questa proposta, non conoscevo questo artista e l'ho apprezzato. La frase è interessante ottima per questo nostro tempo...Un saluto a te, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, hai ragione questa frase ci porta immediatamente al presente e alla vita di tutti i giorni, dove non si risparmia il chiacchiericcio inutile e dove è quasi sconosciuto il silenzio.
      Grazie a te, a presto.

      Elimina
  6. Nel linguaggio di oggi si dice, a che parla insensatamente " hai perso un'occasione per stare zitto", molto ironico-bacchettante, a stroncare le velleità dell'interlocutore.
    Osservando l'espressione dell'autoritratto, si percepisc , più dell'ironia, il pessimismo riguardo alla stoltezza degli uomini.
    Saluti
    Fata C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fata Confetto, infatti il ritratto sembra sconsolato e senza molta speranza quasi riuscisse a leggere il futuro, o forse perché il futuro non si è rivelato migliore, se non peggiore in molti casi.
      Buona serata, a presto.

      Elimina
  7. Quasi "un bel tacer non fu mai scritto". Bellissimo questo dipinto proprio per la sua cupezza . L'espressione severa del personaggio accentua il significato del contenuto della tavoletta.
    Tuttavia i nostri sono tempi in cui non si fa che parlare e spesso parlare a vanvera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, anche tu come molti altri sottolinei il "parlare a vanvera" vera piaga del presente, Rosa è quasi riuscito nella difficile impresa di scrivere il "bel tacer".
      Buona serata a presto.

      Elimina
  8. Già Salvator Rosa, da noi è molto conosciuto ed amato.
    Questo quadro m'incupisce però.
    Ciao Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, l'ho conosciuto non molto tempo fa e mi ha colpito il modo di comunicare attraverso la pittura, i toni cupi dell'opera sono la cosa che amo di più in questo lavoro, ma è la consapevolezza che il messaggio verrà ignorato anche nel futuro, a lasciarmi un po' di tristezza.
      Un abbraccio, a presto.

      Elimina
  9. Bellissimo ritratto che pare voglia parlarci ed inviarci un messaggio...
    Non lo conoscevo e ne sono piacevolmente colpita!
    Bellissima la frase di Salvator Rosa!
    Un bacio serale mio caro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, la frase e il dipinto si completano e danno un significato preciso a ciò che Rosa ci dice.
      Un abbraccio, buona serata.

      Elimina