sabato 27 settembre 2014

Lo specchio dei grandi, Yousuf Karsh


Fotografo di fama mondiale Yousouf Karsh nasce a Mardin, cittadina nella parte ovest dell’Armenia ora in territorio Turco.
Ernest Hemingway




A 14 anni fugge in Siria con la famiglia per sfuggire alle persecuzioni ai danni del popolo armeno e due anni più tardi è la volta del Canada ospite di uno zio fotografo di professione.
E’ proprio lo zio, che intravede le qualità di Kersh, a consigliare al giovane un tirocinio a Boston dal fotografo John Caro.
Torna in Canada dopo quattro anni desideroso di lasciare un segno indelebile nel mondo della fotografia, ottenendo un discreto successo. Ma è nel 1941 che arriva la svolta: Mackenzie King, primo ministro canadese invita Karsh a ritrarre l’incontro con il  premier Inglese Winston Churchill, il ritratto dello statista britannico è uno dei più noti e riprodotti della storia.


Con l'accrescere della fama ed il conseguente aumento delle risorse finanziarie, Karsh perfeziona le tecniche di sviluppo utilizzando materiali sempre più "ricercati" e costosi; ad esempio l'utilizzo dell'argento ha permesso un'intensità maggiore del nero ed una brillantezza del contrasto tra luci ed ombre.

Da quel momento tutti i grandi personaggi, da Madre Teresa a Mandela, da Kennedy a Warhol, passando per Liz Taylor e Hemingway si fanno ritrarre da uno dei più grandi ritrattisti della storia della fotografia.
Yousouf Karsh muore a Boston il 13 Luglio del 2002.

Vi propongo a seguire alcuni dei più celebri ritratti dell’artista Armeno-canadese.


Albert Heinstein

Alfred Hitckoc
Andy Warhol
Anita Ekberg
Audrey Hepburn
Elisabetta II
George Heastman
Grace Kelly
Gérard Depardieu
Winston Churchill
Madre Teresa
Martin Luter King
Nelson Mandela

John Kennedy
Margaret Thatcher
Liz Taylor
Marian Anderson
Michail Gorbaciov
Muhammad Ali
Brigitte Bardot
George Bernard Shaw




14 commenti:

  1. Indubbiamente è capitato dallo zio giusto! Che carrellata di ritratti importanti, per i soggetti e per l'ottima realizzazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, oltre al talento serve anche un po' di fortuna, e Karsh evidentemente ha ottenuto entrambe, la fortuna gli ha dato il via libera e con il lavoro e le qualità innate è riuscito a diventare uno tra i più grandi di sempre.
      Buona giornata, a presto.

      Elimina
  2. Caro Romualdo, questi ritratti rimarranno il ricordo di un grande fotografo!!!
    Caio e buon fine settimana caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissimo Tomaso, come dici benissimo tu rimarranno il ricordo di questo grande artista, questi ritratti ci raccontano una pagina importantissima della nostra storia recente.
      Buon fine settimana.

      Elimina
  3. Alcune di queste foto come quelle di Audrey Hepburn, Albert Heinstein, Brigitte Bardot e soprattutto quella di George Bernard Shaw, sono fantastiche! Un grande ricordo e tributo. Saluti,Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patzy, concordo con te, il ritratto di Shaw e fantastico e ho voluto chiudere la serie di fotografie proprio con questa immagine che mostra lo spettacolare effetto e la brillantezza che contraddistingue le foto di Karsh.
      Grazie, buona giornata, a presto.

      Elimina
  4. Mamma mia...che foto!
    Ho i brividi...
    Sono splendide e non conoscevo questo fotografo così famoso.
    Grazie, perché amo queste cose, ciao Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, veramente da brividi, per la qualità artistica dei ritratti e per quello che rappresentano.
      Grazie a te, buona domenica.

      Elimina
  5. Una carrellata di ritratti stupenda! Sono foto con un'anima dentro che traspare da luci ed ombre unite in un gioco sapiente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, hai ragione, con geniale maestria Karsh "racconta" l'emozione dei personaggi fotografati, esaltando l'intensità della luce e la profondità delle ombre.
      Buona domenica, a presto.

      Elimina
  6. Dei ritratti stupendi, nei quali si può scorgere anche parte della personalità della persona ritratta;ad esempio, la grande intransigenza di Madre Teresa e l'infelicità di Liz Taylor.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiana, interessante il tuo modo di leggere la personalità dei "modelli", aggiungerei la sicurezza ostentata (e un po' forzata) di Muhammad Alì, o la bonaria saggezza di Shaw.
      Grazie e buona domenica.

      Elimina
  7. Nell'era che dell'immagine fa una bandiera eppure tutto si appiattisce e si banalizza questi ritratti parlano di vita, di emozioni, e di storia.
    Saluti
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Marilena, è vero quello che dici, tutto si appiattisce perché l'immagine oggi e spesso piatta e banale, se invece di dare spazio alle raccomandazioni ci si sforzasse a riconoscere il talento, avremmo più opere d'arte e meno immagini spazzatura.
      Grazie per la visita e per l'interessante commento, buona serata.

      Elimina