mercoledì 27 agosto 2014

Studio dal Ritratto di Innocenzo X di Velázquez, Francis Bacon


Autore: Francis Bacon

Titolo dell’opera: Studio dal Ritratto di Innocenzo X di Velázquez – 1953

Tecnica: olio su tela

Dimensioni: 153 cm x 118 cm

Ubicazione attuale: Des Moines Art Center di Des Moines, Iowa


 
 
 
Questa terrificante immagine, basata sul famoso dipinto di Velasquez, è stravolta con un’espressione torturata, accentuata da schizzi di sangue sulla veste del papa.
Il pontefice è imprigionato da una struttura molto simile ad un trono.
Il dipinto è percorso da drammatici tratti verticali che sembrano offuscare la figura urlante immobilizzata con i pugni stretti.
Bacon utilizza soggetti presi dalla realtà o da immagini tradizionali; dipinti di vecchi maestri, giornali o pellicole, che poi vengono crudelmente stravolti.
Bacon porta alla luce, come in questo dipinto, gli abissi della psiche umana mettendo in evidenza orrore e disgusto con l’intensità di un incubo.
All’inizio Bacon veniva paragonato a Graham Sutherland, per poi gradualmente sviluppare una linea personale fatta da orribili distorsioni della figura umana, per le quali è diventato famoso.

 

8 commenti:

  1. Ciao Romualdo,
    ho letto qualcosina su di lui, di gran talento però tanto angosciante.
    Bellissima la tua descrizione, ora ho capito qualcosa di più, baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, il fascino di queste opere è dato dai tratti decisamente angoscianti, che lasciano nell'osservatore un sensi di inquietudine, non so quanto sia "talentuoso" stravolgere opere altrui me è fuori discussione che sia un operazione originale.
      Grazie e buona giornata, a presto.

      Elimina
  2. Caro Romualdo, come sempre non conosco questi racconti, ora posso dire che so qualcosa anche su questo Papa.
    IL quadro direi che è terrificante e da una senzazione di un grande spavento.
    Ciao e buona giornata.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, il termine giusto lo usi tu, infatti molte opere di Bacon si possono definire terrificanti, voleva descrivere il lato oscuro delle cose, penso ci sia riuscito.
      Buona giornata, a presto.

      Elimina
  3. Ho sempre pensato che se dovessi scegliere una sola opera con la quale potrei rappresentare l'orrore dell'Inquisizione, avrei scelto questo lavoro di Bacon, nonostante sembra raccapricciante, questa non è stata ovviamente l'intenzione dell'artista, ma a me mi suggerisce un sacco quel pezzo della storia del papato ... no? Saluti, Romualdo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patzy, probabilmente l'autore pensava ad altro ma la tua lettura è particolarmente interessante, e poi, se anche Bacon intendeva qualcosa di simile?
      Buona serata, a presto.

      Elimina
  4. L'arte di Bacon , con poche parole è stata da te descritta magnificamente...
    Questo dipinto è veramente da urlo, come la maggioranza delle sue opere daltronde!
    Un bacio Romualdo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, il dipinto emana una quantità infinita di sensazioni da non riuscire ad elencarle tutte, spicca naturalmente il senso di terrore e sofferenza ma può apparire anche un opera di purificazione, ognuno può leggervi cose diverse, e in tutti i casi avere la "visione" giusta.
      Grazie, per le belle parole, a presto.

      Elimina