domenica 20 luglio 2014

La stanza dei fiori, Childe Hassam


Autore: Childe Hassam

Titolo dell’opera: La stanza dei fiori -1894

Tecnica: olio su tela

Dimensioni: 86,5 cm x 86,5 cm
 
Ubicazione attuale: Collezione privata.
 
 

La stanza luminosa è piena di libri, quadri, sedie e tavoli, ornamenti e fiori, una ragazza con un lungo vestito rosa legge pigramente sdraiata su un divano.

La casa, sulla costa del Maine, apparteneva a Cecilia Thaxter ed era spesso meta di molti artisti (tra cui lo stesso Hassam).

Dopo avere lavorato come illustratore e incisore l’artista si reca prima a Boston e poi a Parigi a studiare pittura. Seppur continuando a nutrire qualche riserva impostagli dalla formazione accademica, Hassam si converte all’impressionismo francese dopo aver visto i lavori di Claude Monet.

Pur prediligendo scenari ricchi d’atmosfera (strade cittadine al tramonto, paesaggi innevati o sotto la pioggia), si è dedicato anche allo studio di figure femminili cercando di sfruttare particolari ore del giorno per esaltare i giochi di luce.

Questo dipinto, forse poco usuale per il suo repertorio, evidenzia le svariate sfumature di colori caldi ed intensi dando alla stanza, esageratamente piena di suppellettili, un senso di accogliente ordine.
 

15 commenti:

  1. Coro Romualdo, una cosa veramente nuova per me, e la mia memoria.
    Buon inizio della settimana amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissimo Tomaso, mi auguro che questa novità ti sia piaciuta quanto è piaciuta a me la prima volta che l'ho vista.
      A presto e buona settimana a te.

      Elimina
  2. Proprio come dici, la stanza è stracarica, ma proprio per questo molto accogliente.
    Un pittore che non conoscevo, ma ora voglio scoprire altre sue opere perché questo quadro trasmette una tale intensità di sentimento, di emozione, pare un pomeriggio di pace, dove la lettrice è in pace con se stessa, anche se non sembra essere lei l'elemento principale del dipinto, ma proprio l'eccesso di oggetti e cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, credo sia proprio il fatto che la donna sia in secondo piano a concentrare l'osservatore sul resto della stanza, che, nonostante tutto, pare abbia ogni cosa al suo posto. La luce che penetra dalle finestre riesce a infondere, come dici tu, quel senso di pace e serenità.
      A presto.

      Elimina
  3. Che bello conoscere un nuovo impressionista, amante dell'acquerello tra l'altro.
    Sai che mi è piaciuto tantissimo la semplicità con cui l'hai descritto?
    Ti ringrazio di avermelo fatto conoscere, ciao Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, mi fanno molto piacere i tuoi complimenti, e sono felice che ti sia piaciuto il dipinto di Hassam, anch'io lo scoperto da poco e trovo che sia particolarmente interessante.
      A presto.

      Elimina
  4. Ciao Romualdo,
    Un’artista che sa cosa vuol proporre, infatti, esaminando questo dipinto, che tra l'altro trovo di rara bellezza, e verità... a volte le nostre stanze sono così piene di oggetti non utilizzabili, lui è stato unico a trattenerli in questo magnifico dipinto, dalle sfumature calde e accoglienti, come la luce reale del tramonto!
    Grazie mille per la bellissima pubblicazione...
    A presto e buona serata
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella, Hassam è riuscito a rendere ordinato e piacevole quello che ci può sembrare disordine e confusione, è riuscito a realizzare il tutto con i colori e i giochi di luce magistralmente dosati sulla tela.
      A presto e grazie.

      Elimina
  5. Questo dipinto è splendido, è davvero la stanza dei fiori, in teoria non sono che una delle tante cose presenti ma in realtà è come se i loro petali dipingessero tutto, con il loro colore caldo, gioioso e vibrante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. nel titolo del post e come "etichetta" hai scritto Childe Hammer, invece nel post scrivi Childe Hassam: è un errore o è magari uno è il nome d'arte o altro del genere?

      Elimina
    2. Ciao Anna, è come dici tu, ogni oggetto presente nella stanza è un petalo di un grande fiore che inonda la stanza con i suoi colori.
      Ebbene si cara Anna, mi scuso ma è stato un imperdonabile errore, l'autore è Hassam.
      Grazie per la segnalazione, buona serata e a presto.

      Elimina
  6. Meravigliosa , piena di raccoglimento di pace e d icolore..
    Si vede la predilezione di Monet!
    Grandi post Romualdo mio..
    Grazie di cuore e un bacio serale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, hai detto tutto, è proprio questa "cascata" di colori sapientemente dosati, a dare all'insieme grande senso di serenità.
      Grazie a te, a presto.

      Elimina
  7. Ciao Romualdo,
    davvero molto bello. Mi piace e devo dire che l'aver riempito l'ambiente con suppellettili e libri dona al quadro un certo fascina che come hai scritto è evidenziato dai colori caldi.
    Buona serata a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, grazie, la prima impressione che si ha, è quasi di smarrimento, poi tutte le cose vanno al loro posto al punto che se ci fossero meno oggetti si potrebbe avere la sensazione che manchi qualcosa.
      A presto.

      Elimina