giovedì 24 luglio 2014

La Signora di Shalott, John William Waterhouse


Autore: John William Waterhouse

Titolo dell’opera: Lady of Shalott  - 1888

Tecnica: olio su tela

Dimensioni: 153 cm x 200 cm
 
Ubicazione attuale: Tate Gallery di Londra

 
 

L’episodio raffigurato è tratto dall’omonimo poema di Tennyson.

La luminosità del quadro e l’attenzione ai dettagli rendono più intensa la pateticità della scena, la misteriosa signora, la cui bellezza domina il dipinto, destinata a morire per aver guardato  nel riflesso di uno specchio Lancillotto e la città di Camelot, inizia il suo ultimo viaggio.

Particolare della "Signora"
Il dipinto non si limita a narrare la storia ma mostra uno straordinario studio del paesaggio, ogni particolare è curato attentamente, ogni ramo, ogni canna, i riflessi sull’acqua vengono ritratti con meticolosa precisione.
Come tutti i seguaci del movimento preraffaellita Waterhouse predilige scene tratte da testi poetici e mitologici.
Dotato di tecnica superba e di un grande senso della composizione, infonde nelle sue opere un intenso senso drammatico.
Ma ad assicurane la fama è soprattutto la malinconica bellezza delle sue modelle, tra cui la moglie, che si ritiene abbia posato per questo quadro.
Il senso di malinconia, di tristezza e rassegnazione unito alla bellezza della modella, fanno di questo ritratto uno dei più belli della pittura ottocentesca.

 

12 commenti:

  1. Oh! Mi piace molto Waterhouse! Anche ricordo un disegno a matita di lui, penso che sia stato chiamato "Flora" o qualcosa del genere, che mi è piaciuto molto. Saluti, Romualdo, scelta molto buona con questo artista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patzy, ricordi benissimo, anche con "Flora" Waterhouse riesce ad esprimere quella malinconia, in questo caso non c'è tristezza, che caratterizza molte delle sue opere.
      Grazie, a presto.

      Elimina
  2. Si, d'accordo con te. La malinconia impregna di sé e del suo fascino oscuro e delicato questo quadro, che mi è sempre piaciuto. E il realismo del quadro scaturisce dai particolari disegnati "meticolosamente" come dici giustamente tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, il dipinto soprattutto il viso e l'espressione della Signora, rendono viva ed intensa la scena che racconta perfettamente l'episodio raccontato nel bellissimo poema di Tennyson.
      Buona serata, a presto.

      Elimina
  3. Coro Romualdo, ogni espressione affascina, questa poi rappresenta le vera tristezza!!!
    Grazie caro amico che la ai condivisa.
    Buona giornata con un po di fresco.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, dici bene qui è rappresentata perfettamente la tristezza, la consapevolezza di non riuscire a raggiungere anche solo per un attimo il vero obbiettivo di tutta una vita.
      Buona giornata a te e a presto.

      Elimina
  4. è semplicemente meravigliosa!!!! I dettagli e la tecnica superba lo rendono quasi una fotografia.
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, la tua definizione è perfetta, un'opera appunto meravigliosa non smetterei mai di ammirarla, ogni volta che la osservo ne sono affascinato.
      Grazie a presto.

      Elimina
  5. Certo Romualdo, tra i preraffaelliti c'è anche lui.
    Mi piace moltissimo e questo quadro ha una particolarità molto importante, la centralità della scena non è della donna, ma della piccola barca che per tale importanza è rappresentata alla perfezione e nei minimi particolari.
    Che meraviglia questo dipinto come anche tutti gli altri suoi lavori!
    Bel post, complimenti.
    Baciii...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, io sono arrivato al dipinto tramite il poema, e la mi attenzione si è posata sulla protagonista della storia, tu giustamente identifichi la barca come tema dominante e lo fai a ragione considerando che è il mezzo che permette alla donna di fare il viaggio più importante della sua vita, il viaggio che traghetta la protagonista in un'altra dimensione. Ancora una volta la barca è eletta a simbolo nel passaggio, tutto umano, dalla vita alla morte.
      Grazie per il tuo interessante punto di vista che da un importante contributo alla percezione dell'opera stessa.
      A presto.

      Elimina
  6. Ci sono quadri tecnicamente ottimi e basta e ci sono quardi tecnicamente ottimi che hanno anche "qualcosa i più". Ovviamente spesso è anche questione di sensibilità personale ma questo direi che "qualcosa in più" ce l'ha eccome! . Rapisce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, ancora una volta con poche parole descrivi perfettamente il dipinto, c'è infatti, in alcune opere, quel qualcosa in più che trasforma un grande quadro in un capolavoro.
      A presto.

      Elimina