domenica 15 giugno 2014

Ragazza con cane bianco, Lucian Freud


Autore: Lucian Freud

Titolo dell’opera: Ragazza con cane bianco -1951-52

Tecnica: olio su tela

Dimensioni: 76cm x 101,5 cm

Ubicazione attuale: Tate Gallery di Londra 
 
 




La prima moglie, Kathleene e un bull terrier riposano su un divano, i colori sommessi e l’arredamento scarno rendono la  scena semplice e un po’ deprimente.
Intenso e complice lo sguardo della donna e del cane che fissano lo spettatore.

Freud è famoso per l’abilità con cui ritrae quasi con ossessione, il corpo umano mettendo in evidenza tutti i difetti, non fa eccezione questo dipinto dove il bianco avorio è usato per raffigurare la pelle della modella.

Il pittore tedesco porta l’osservatore dentro la scena in un’intimità fisica mostrata come sotto la luce di una lampada, lo stile di Freud si è fatto più espressivo con il passare degli anni, non diminuisce però l’interesse per la figura umana non come modello perfetto ma come creatura con pregi e soprattutto, difetti. 
Freud palesa uno straordinario spirito di osservazione del reale e una forte adesione concettuale ad esso, che si farà con gli anni sempre più incisiva, proprio con il passare del tempo il suo sguardo si volge anche all'interno dell'essere umano.

Nipote del “padre” della psicanalisi, negli anni trenta si trasferisce a Londra e prende la cittadinanza britannica.

8 commenti:

  1. Caro Romualdo è la prima volta che vedo questo dipinto. Per essere sincera, mi mette una certa angoscia per come il pittore abbia saputo fissare sulla tela, pregi e difetti umani. Lo hai descritto molto bene. Grazie per il tuo blog.
    Ti mando un telematico abbraccio. Bruna. ciaooo







    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bruna, a dare il senso di depressione e angoscia più che la donna e il cane penso sia l'ambientazione, i colori spenti e lo scarno arredamento, ma forse Freud utilizzava uno sfondo anonimo proprio per evidenziare il disagio ambientale e soprattutto interiore.
      Grazie e a presto.

      Elimina
  2. Caro Romualdo,
    grazie per avermi fatto conoscere e appezzare quest'artista dalle grandi capacità artistiche, colui che dipingeva quasi a dire eccessivo, senza tralasciare alcun particolare!
    Ti auguro una buona serata
    Antonella

    P.S. Bellissimo il rinnovamento del blog, adoro la scritta in alto! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella, Freud mi ha colpito per il suo modo a volte spietato di raccontare la vita e le persone "quotidiane", noi siamo abituati alle modelle perfette della TV e delle riviste senza renderci conto che tutto ciò è lontanissimo dalla realtà, anche se Freud a volte esagera, forse per mostrare l'aspetto interiore della gente.
      Grazie per i complimenti. Buona serata anche a te e a presto.

      Elimina
  3. Un pittore molto interessante! Sapevo poco di lui, solo conoscevo alcuni ritratti che ho trovato molto buoni. Non sapevo che era il nipote di Sigmund! Abbracci, Romualdo, e grazie della condivisione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patzy, non è famoso come lo zio ma nei suoi ritratti, magari inconsciamente, si intravede il lavoro dell'illustre parente.
      Buona giornata ,a presto.

      Elimina
  4. Ciao Romualdo,
    trovo davvero spettacolare il tratto di questo pittore, cosi veritiero e deciso.
    Mi piacciono le ombreggiature e adoro il suo modo di mostrare la realtà anche attraverso i difetti.
    Buona serata a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, è proprio l'evidenziare senza filtri la realtà che rende questo autore speciale.
      Buona serata anche a te.
      A presto.

      Elimina