domenica 25 maggio 2014

Betty, Gerhard Richter


Betty

Autore: Gerhard Richter

Titolo dell’opera: Betty – 1998

Tecnica: olio su tela

Dimensioni: 102cm x 72 cm

Ubicazione attuale: Collezione privata dell’artista


Il ritratto della figlia Betty è stato eseguito con una precisione fotografica, il busto e le braccia sono tagliate dalla tela come in un primo piano fotografico.
Difficile definire il dipinto un vero e proprio ritratto visto che la figlia è ripresa di spalle.
La scelta è probabilmente voluta per concentrare l’attenzione sul disegno a fiori della giacca, sul vestito rosa e sui capelli morbidamente raccolti.

Richter ribalta così il concetto di pittura e rappresentazione, il dipinto sembra effettivamente una fotografia, un ritratto che volta letteralmente le spalle alle convenzioni della pittura.

Come in altre opere, l'artista lascia lo sfondo scuro quasi anonimo, anche se in questo caso il significato non evidenzia il senso di tristezza e disperazione che si nota soprattutto nelle opere dedicate alla guerra in Vietnam.

6 commenti:

  1. Grandioso artista, le sue pitture sperimentali su immagini fotografate sono bellissime.
    C'è molto da dire su di lui, ma quest'immagine che hai postato esprime molto.
    Grazie per avercelo ricordato, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, non ho una grande conoscenza di questo artista ma il realismo con cui dipinge mi ha colpito moltissimo ed è questo che ho voluto raccontare.
      A presto.

      Elimina
  2. Amico mio se tu non l'avessi spiegato, avrei giurato si trattasse di una foto..
    Meravigliosa!
    Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Nella, la stessa cosa l'ho pensata io la prima volta che ho visto quest'opera, si tratta effettivamente di un artista eccezionale.
      Grazie e a presto.

      Elimina
  3. Notevole davvero, sembra a tutti gli effetti una fotografia...grazie per quest'opera che mi hai dato modo di ammirare. Buonanotte a te, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, grazie a te, sorprende sempre vedere dove può arrivare il talento di questi artisti.
      A presto.

      Elimina