lunedì 21 aprile 2014

Rosai a Wargemont ( Renoir )


Autore:      Pierre-Auguste Renoir
Titolo:        Rosai a Wargemont – 1879

Tecnica:    olio su tela di canapa

Collezione privata


Nel 1879 Renoir viene invitato dal diplomatico Paul Berard a trascorrere l’estate nella sua residenza a Wargemont, in Normandia.
Qui il pittore si interessa al paesaggio e dipinge donne e bambini sulla spiaggia, ritrae i vari membri della famiglia Berard e decora la grande sala da pranzo della villa.
 
E’ un periodo di grande creatività per Renoir che si allontana dall’impressionismo e si spinge a sperimentare nuove tecniche.
 
Poco prima di lasciare la residenza di Wargemont l’artista di Limoge si cimenta nella descrizione del rosaio nel giardino dei Berard, in questo dipinto prevale una più intensa e calda luminosità, dai toni lievi e sfumati che da quel momento userà regolarmente nelle opere successive.

 
 

8 commenti:

  1. Caro Romualdo grazie per aver postato questa bellissima opera. Ti ringrazio anche per essere passato dal mio modesto salotto. Sono d'accordo con il tuo ragionamento, quello che più conta è l'amicizia, ma se c'è il tempo bello si possono fare più cose. Io parlavo di una scampagnata. Ti auguro una bellissima settimana e ti mando un amichevole abbraccio. Bruna.. ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bruna grazie e buona settimana anche a te.

      Elimina
  2. Renoir è l'artista più amato dalle donne, soprattutto quelle tendenti al romanticismo.
    Le sue opere sono bellissime e donano gioia a chi le guarda, i suoi colori sono sempre splendenti, anche se a volte mi hanno fatto tendere all'idea del mistero ( questa è ovviamente una sensazione molto personale). Come in questo splendido quadro, le domande che sorgono sono: chi è nascosto tra le fronde del piccolo giardino o chi si cela dietro le finestre di questa residenza? Mah! Mistero...
    Salutissimi Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, il tuo è un interessante "modo" di vedere un dipinto, dieci persone guardano un opera da altrettanti punti di vista diversi.
      Buona giornata.

      Elimina
  3. Pensavo che gli sfumati fatti a punta di pennello, una caratteristica degli impressionisti, in particolare di Renoir, li conferivano alla opera un aspetto somigliante a quello che oggigiorno li dia l'aggiunta dei "noise" nella edizione fotografica! Ma quelli erano veri maestri che riuscivano a ottenere lo stesso clima senza aiuto della tenica moderna! Saluti, Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patzy, sono d'accordo con te che un secolo fa ad emergere era il talento senza aiuti della tecnologia ma credo che anche la fotografia (forse in modo più concettuale) abbia bisogno di talento e fantasia.
      Buona giornata.

      Elimina
  4. Ho ammirato qualche mese fa molti capolavori di Renoir ndeella grande mostra alla Gam di Torino.
    Anche in quella sede ho apprezzato soprattutto i paesaggi dove spiccano la natura ed i suoi colori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Costantino, dal vivo ci si rende conto della maestria di questo artista.
      A presto, Romualdo.

      Elimina